Le società di Mutuo Soccorso Oggi

La mutualità volontaria rappresentata dalle società di mutuo soccorso è presente e diffusa in tutto il territorio nazionale e svolge attività solidali verso i propri soci nelle diverse modalità sviluppate nel corso della sua lunga vita. Quelle previste dall’art. 1 della legge 3818, quindi in ambito previdenziale, socio-assistenziale e sociosanitario e, come consentito dall’art. 2 della nostra legge di riferimento, in campo educativo e culturale.

E ciò, nelle forme più idonee e coerenti con le istanze territoriali, in quanto le società di mutuo soccorso sono realtà che si distinguono per il forte attaccamento al territorio, testimoniando con l’attività quotidiana un contributo alla comunità e alla convivenza civile, un patrimonio valoriale fondato sulla partecipazione, il protagonismo individuale, il controllo diretto e responsabile, la stabilità del patto associativo tra le generazioni.

La FIMIV – Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Nel campo socio-sanitario, oltre un milione di Italiani hanno una copertura sanitaria integrativa dovuta all’iscrizione a società di mutuo soccorso.
In particolare, le società di mutuo soccorso e le mutue sanitarie riunite nella Fimiv (Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria) hanno rafforzato e innovato la loro presenza, sulla base di valori e i principi di riferimento immutati nel tempo:
• Assenza assoluta di fini lucrativi;
• Centralità del socio;
• Non discriminazione delle persone assistite;
• Principio della porta aperta;
• Rinuncia al recesso: le società di mutuo soccorso non possono mandare via nessuno dei propri soci anche se anziani o malati;
• Partecipazione democratica alla amministrazione della Società.

Nuovi ruoli e nuove sfide

Con la crisi dello stato sociale, la mutualità volontaria è investita di nuovi ruoli e nuove sfide. La ridefinizione delle politiche di welfare e il rilancio delle forme sociosanitarie integrative impegnano molte Società di mutuo soccorso nel fornire una risposta, sussidiaria e solidaristica, ai bisogni inevasi.
Le ultime stime del rapporto Censis, mostrano che circa 11 milioni di italiani nel 2016 hanno dichiarato di aver dovuto rinunciare ad alcune prestazioni sanitarie, specialmente odontoiatriche, specialistiche e diagnostiche.

Nel nostro Paese, la sanità integrativa è diventata una componente importante e diffusa della spesa sanitaria, soprattutto nella contrattazione del lavoro, dove coinvolge milioni di lavoratori dipendenti. I suoi effetti si traducono in una opportunità e in un vantaggio socialmente rilevanti per i lavoratori che ne usufruiscono.

Source

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto   dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.   Per richiedere la rimozione degli articoli clicca qui.    

Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza

------------------------------

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

 "prestito antiusura e fondo salva casa"

Operativi su tutto territorio Italiano

Cerca e consulta articoli.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
adessonews
Nostri Servizi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: